Comune di Pontedassio
simbolo home
home
. .
IMPRESA
.
STRANIERO
.
TURISTA
.
ANZIANO
.
TECNICO

PONTEDASSIO E FRAZIONI Pontedassio Le frazioni Come arrivare Storia L'AMMINISTRAZIONE Il Sindaco La Giunta Comunale Il Consiglio Comunale Statuto Regolamenti Orario apertura al pubblico SEGRETERIA COMUNALE Il Segretario Personale Turismo e cultura AREA AMMINISTRATIVA Anagrafe Elettorale Protocollo Stato civile Contatti Storico delibere Delibere Modulistica IMU e altri tributi Statuto e Regolamenti AREA CONTABILE Servizi finanziari AREA TECNICA Urbanistica Edilizia Privata Manutenzione e servizi tecnologici Patrimonio Protezione civile Lavori Pubblici e Programmazione Modulistica AREA VIGILANZA Polizia Locale Sportello Unico Attività Produttive (S.U.A.P.) Ambiente AREA SERVIZI SOCIALI Distretto socio sanitario n. 3 imperiese – Ambito sociale n. 13

  [tratto dal libro TERRA NOSTRA - La pronvincia di Imperia in 67 comuni - Edizioni Amadeo]

 

Il castello di Bestagno fu, con quello di Montarosio, uno dei

principali centri di potere della valle superiore di Oneglia

comprendente il Borgo di Assio e le ville “famigliari” dei Gatti,

dei Verdi, dei Barnati, dei Viani e dei Piana.

Villa Guardia fu interessata nel 1802 da un’imponente frana

che distrusse parzialmente il paese e fece scomparire la

parrocchiale che fu trasferita nel vicino santuario della Madonna

della Neve. A Villa Guardia esiste un particolarissimo gruppo

di statue lignee di fine Cinquecento raffiguranti l’Ultima Cena,

secondo l’iconografia leonardesca del cenacolo delle Grazie a

Milano.

Il borgo di Assio, nucleo urbano, sorto, probabilmente, durante

la dominazione romana e sviluppato nei primi secoli del

bassomedioevo, è il centro commerciale e industriale della

bassa valle Impero. Trasse vantaggio nei primi secoli di questo

millennio dalla posizione all’incrocio della direttrice di

fondovalle - la piemontese Strada del sale - e la via trasversale

tra le valli dianesi e portorine; lungo la quale vi è, da una parte,

l’insediamento dei Monti e, dall’altra, il borgo lineare di

Bestagno.

Il borgo di Assio sfruttava le acque dell’Impero nei folli, nei

mulini e nelle filande. Si produceva pane, biscotti e fidei,

tradizioni ancora attuali.

Qui la famiglia Agnesi nel XIX sec. diede vita ad uno tra i più

grandi pastifici nazionali, un’opera secolare che meriterebbe

di essere ricordata e documentata. Il paese ospita attualmente

numerose industrie alimentari olearie e lattiero-casearie.

Queste attività imprenditoriali si sono sviluppate, insieme ad

alcuni grandi centri commerciali, grazie alla fortunata

disponibilità di un’area opportunamente pianificata.

Pontedassio sta sviluppando con successo l’integrazione tra

agricoltura, industria e ambiente. La tendenza negativa

dell’ulivicoltura professionale è in questi ultimi tempi

parzialmente compensata dall’interesse amatoriale per la

campagna. Molti uliveti, particolarmente nelle zone di

Bestagno, Villa Guardi, Villa Viani e regioni Monti vengono

nuovamente coltivati e abitati da famiglie che vogliono sfuggire

ai centri urbani costieri.

.

.

.

.

.

.

.

 

Comune di Pontedassio
Piazza Vittorio Emanuele II 2 - 18027 Pontedassio (IM) - P.I. 00246160089 -
tel 0183 279026 - fax 0183.279721
Email: pontedas@uno.it - PEC: protocollo@pec.pontedassio.net amministrazione
Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Sito realizzato da Centro Stampa Offset Imperia
Questo sito utilizza COOKIE di profilazione, di terze parti e COOKIE TECNICI (di Sessione, e di Google Analytics) per il corretto funzionamento del sito stesso. Privacy Policy